fbpx

Approccio

  • Il nostro Metodo

  • La Maisonnette® prevede la proposta  di Nidi e Scuole dell’Infanzia Trilingue a “misura di bambino“.

    Segue un orientamento didattico misto (Freinet, Montessori, Rodari, Gardner, Malaguzzi, Munari), aggiornato secondo le scoperte permanenti evidenziate dalla ricerca di settore, con l’obiettivo di promuovere la formazione multidisciplinare ed eclettica che permetta ai bambini di utilizzare le proprie risorse nella quotidianità vita.

    Il trilinguismo

    La Maisonnette® si distingue per il suo approccio naturale al trilinguismo. L’apprendimento di altre lingue segue il principio “Una persona, una lingua”. Il metodo prevede un’immersione parziale precoce con uso veicolare della lingua; la scuola si avvale solo di educatori madrelingua o perfettamente bilingue.

    Lingue e culture convivono senza mescolarsi, arricchendo il bagaglio culturale del bambino orientandolo verso una realtà che accetti e integri le diversità. Questo arricchisce culturalmente i bambini e li aiuta ad accettare e a gioire delle differenze degli altri. Ricerche recenti mostrano che i bambini plurilingui sin dall’infanzia sviluppano migliori capacità meta-cognitive e metalinguistiche. I bambini della nostra scuola vengono introdotti alle lingue straniere fin dall’inizio attraverso filastrocche, storie semplici e frasi quotidiane, in modo che inizino ad apprendere la musicalità di altre lingue senza che ciò interferisca con i loro primi tentativi di comunicare in italiano. Il francese e l’inglese vengono introdotti naturalmente in un contesto in cui si parla italiano. Le frasi che vengono utilizzate spesso vengono ripetute in tutte e tre le lingue per evitare di creare confusione nella loro comprensione linguistica iniziale. Alla Scuola dell’Infanzia tutto ciò viene vissuto in modo spontaneo. L’inglese e il francese sono usati nel gioco sia strutturato che libero, nella lettura e nella narrazione di favole, nel cantare canzoni e filastrocche e  nella proposta di canti e filastrocche che scandiscono i diversi momenti della giornata. In questo modo l’apprendimento di una seconda lingua avviene attraverso tecniche e schemi mentali già utilizzati per la propria lingua madre. Sono infatti la curiosità e l’interesse che stimolano prima la voglia di conoscere e di capire, e poi la voglia di comunicare. Il bambino capisce e comunica solo per e con il piacere di farlo, senza alcuna coercizione, viene  incoraggiato dolcemente in un’atmosfera tranquilla. La scuola permette di proseguire il percorso iniziato all’asilo con il francese e l’inglese, con lezioni che si svolgono nel pomeriggio e strutturate per età.  

    Principi Pedagogici

    A La Maisonnette®: 

    • Il BAMBINO è ascoltato, rispettato, valorizzato per la sua individualità e la sua storia familiare. Costruisce relazioni con le persone della scuola, adulti e bambini, imparare a fidarsi delle proprie risorse e capacità. Per un bambino sereno, ascoltato… c’è sempre un adulto pronto ad accoglierlo!Gli insegnanti sono pronti ad ascoltare le paure, i dubbi, gli entusiasmi e i bisogni dei bambini; allo stesso tempo favoriscono la coesione di gruppo tra i coetanei e le relazioni tra coetanei.
    • Il BAMBINO impara dall’esperienza diretta, vissuta e reale delle cose. La scuola offre esperienze didattiche dentro, ma anche fuori dalla scuola, legate alla vita quotidiana. gli insegnanti lavorano insieme ai bambini per trovare le migliori strategie di apprendimento per ciascuno.
    • Il BAMBINO utilizza gli strumenti messi a sua disposizione in modo appropriato. Si muove con disinvoltura negli spazi della scuola, sceglie le attività a cui vuole prendere parte, sceglie le persone, i tempi e i luoghi con cui e in cui desidera agire. Gli insegnanti valorizzano e sviluppano la costruzione delle routine (pasto, sonno, cambiamento, pulizia, congedo), creano con i bambini la tabella delle regole.Ogni giorno c’è un periodo di gioco libero.
    • il BAMBINO inventa, rielabora, costruisce, sviluppa la sua immaginazione e il suo pensiero critico, sperimenta il suo “errore” come una teoria temporanee. La scuola propone attività basate su domande aperte che non hanno un’unica risposta, con un uso innovativo di materiali e strumenti che richiedono ai gruppi di lavorare insieme e prendere decisioni insieme, andando oltre le regole e trovandone di nuove, il che significa che ogni bambino ha voce in capitolo su ciò che sta accadendo.
    • Il BAMBINO vive e agisce in una società multiculturale e multidimensionale, e sperimenta diverse realtà culturali e linguistiche.
    • Il BAMBINO  può esprimersi liberamente utilizzando  diversi linguaggi, a seconda della sua predisposizione.

    La scuola stimola lo sviluppo di intelligenze multiple attraverso una proposta didattica articolata secondo i campi dell’esperienza, vivendo la realtà nei diversi quadri del fare e dell’agire. Educa i bambini al multiculturalismo attraverso educatori che parlano lingue diverse e portano nella scuola la cultura del loro paese di origine e l’integrazione di bambini di diverse nazionalità. Particolare enfasi è posta sul coinvolgimento delle famiglie nelle diverse attività durante l’anno (classi aperte, incontri, feste, proposte di attività per il gruppo dei bambini, ecc.). Per eventi particolari, le famiglie sono invitate a dare il loro contributo culinario, a far conoscere usi e costumi e/o giochi del proprio paese di origine o ad intervenire secondo le proprie specifiche risorse professionali. Durante tutto l’anno vengono organizzati eventi al di fuori della scuola: i bambini vanno a teatro e visitano musei, mostre, fattorie e centri culturali. L’esperienza di uscire senza genitori, solo con il gruppo dei bambini e degli educatori e utilizzando mezzi di trasporto diversi da quelli abitualmente utilizzati, rappresenta un momento di grande valore pedagogico ed educativo.